ELASTOGRAFIA

L'elastosonografia è in grado di individuare ad esempio noduli maggiormente sospetti per malignità.

Tuttavia è giusto sottolineare che questa tecnica non può sostituirsi completamente ad altri test diagnostici (es. mammografia, ago-aspirato, ecc...), ma affianca il medico ecografista nel delicato compito decisionale circa l'eventuale successivo iter diagnostico da adottare.

Rappresentano un limite per un corretto utilizzo dell'elastosonografia la profondità del tessuto da esaminare,ad esempio nei pz obesi, e, in campo prettamente senologico,la presenza di protesi mammarie.

L' ELASTOSONOGRAFIA o Elastografia è tra le applicazioni nel campo della diagnostica ad ultrasuoni , l'ultima nata, che si affianca alle applicazioni tradizionali dell'ecografia, aumentandone l'efficacia diagnostica,in quanto in grado di fornire informazioni sul grado di elasticità o di durezza di un tessuto o di un nodulo , rispetto ai tessuti sani circostanti.

Essa si basa sul principio che la compressione del tessuto in esame, esercitata dalla sonda ecografica,produce una distorsione,minore nei tessuti duri, quali quelli neoplastici o fibrotici, e maggiore in quelli soffici.

Share by: